Il rispetto per gli umani

Come insegnare al gatto quali comportamenti o giochi non gli sono permessi, in rispetto degli umani.

Il gatto considera l’uomo un suo territorio, ma l’uomo è anche un suo simile, con il quale il gattino è solito fare alcuni giochi che possono risultare fastidiosi, come ad esempio giocare alla lotta con le mani, cacciare le caviglie dell’uomo e utilizzare l’uomo come “albero”.

Per un gatto l’albero è creato appositamente per arrampicarsi, egli vi si arrampica con vero piacere. Così il gattino vedrà l’uomo un pò come un albero e tenterà l’arrampicamento fino alle spalle. Il gattino sovente sale sui mobili e poi balza sulle spalle dell’uomo, piantando bene le unghie per non perdere l’equilibrio.

I proprietari trovano questa pratica molto divertente ma non pensano che un giorno quel gattino peserà 4 o 5 chili e che gli balzerà addosso con tutta la sua potenza di gatto adulto e con l’artiglieria affilata. Quel giorno il gatto non capirà perchè quel gioco, che prima era apprezzato, adesso gli viene proibito. La morale è che non si deve permettere al gatto di fare cose che in futuro gli saranno rifiutate.

Il gattino ha la tendenza ad avvicinarsi al viso dell’uomo, questo perchè il marchio familiare si fa anche muso contro faccia. Il metodo per evitare che sia il gatto a venire da noi, attuando la pratica sopra descritta, che in seguito potrebbe rivelarsi per noi dolorosa, accovacciamoci vicino a lui per accoglierlo. Eviteremo che sia lui a salire sulla nostra spalla.

Un altro gioco poco gradevole ai proprietari è la caccia alle caviglie. Nel gatto la caccia è un comportamento innato, non lo fa per mangiare, ma bensì per pura soddisfazione.
Per evitare che il gatto si metta a caccia delle nostre caviglie è fornire una “preda” alternativa, ad esempio un topo di peluche o una zampa di coniglio.

L’alba e il crepuscolo sono i momenti di caccia del gatto, per cui l’intensificarsi della luminosità e la sua diminuzione sono per lui dei fattori scatenanti. Avete mai notato come il vostro gatto, in questi orari, sia ipersensibile? Il minimo rumore è per lui un fattore scatenante: salta, corre, si lancia contro i muri, rimbalza come una palla, si lancia contro qualsiasi cosa e corre all’impazzata.

Questa crisi dura qualche minuto e poi il gatto si calma e tutto torna alla normalità. Occasionali crisi sono da ritenersi nella norma,per il gatto di appartamento, dove non trova sfogo ai suoi istinti di caccia perchè nulla si muove per stimolarlo. Se le crisi divengono frequenti però, è bene consultare un veterinario perchè sono sintomo che il gatto non sta bene.

Quando il nostro gatto presenta comportamenti distruttivi, aggressivi, iperattivi fuori della norma; significa che ha un disturbo del comportamento. Nulla di patologico, il gatto non è né pazzo né malato, semplicemente è male inserito nella società umana. Per prevenire questi comportamenti eccessivamente distruttivi è necessario educarlo, e non è mai troppo tardi!
Certo è più semplice educarlo fin da cucciolo, così che impari a riconoscere quali comportamenti non gli sono permessi, sarà sufficiente sgridarlo a voce ferma nel momento in cui fa qualcosa di proibito, e pian piano imparerà.


Tag:,

RSS FEED

Per essere sempre aggiornato sulle novità di buffogatto iscriviti al nostro Feed.
Nuovi articoli RSS Feed »

Se invece vuoi sapere quando vengono inseriti nuovi commenti alla sezione Foto di gatti, iscriviti al Feed dei commenti.
Commenti RSS Feed »

Segui Buffogatto anche su Facebook: Buffogatto è un gattino dispettoso, un pò fannullone, che si aggira per casa facendo i dispetti alla sua padrona.

Visita la pagina Facebook di buffogatto »